Pagine Ebraiche 24 / l’Unione informa 4 Dicembre 2019 – 6 Kislev 5780

Pagine Ebraiche 24 / l’Unione informa 4 Dicembre 2019 – 6 Kislev 5780

x

Pagine Ebraiche

olaszmagyar   Üzenet lefordításaKikapcsolás a következő nyelvhez: olasz

Se non leggi correttamente questo messaggio, clicca qui       4 Dicembre 2019 – 6 Tishri 5780
PROSEGUE LO SCAMBIO DI ACCUSE TRA PARTITI Israele, otto giorni per evitare le elezioni

Continua in Israele lo scambio di accuse su chi sia responsabile dello stallo politico e dell’assenza di un accordo per formare il governo di unità nazionale. I partiti – il Likud di Benjamin Netanyahu e Kachol Lavan di Benny Gantz su tutti – lo invocano ma, al tavolo delle trattative, nessuno fa concessioni tali da permettere all’intesa di avere una chance. Otto giorni mancano alla deadline ultima per trovare l’accordo interno alla Knesset, dopo saranno nuovamente elezioni. Le terze in un anno. Nelle scorse ore il primo ministro in carica Benjamin Netanyahu, prima di partire per il Portogallo dove incontrerà il segretario di Stato americano Mike Pompeo, ha accusato Kachol Lavan di non voler veramente raggiungere un’intesa

Leggi

IL VOTO DOPO UN DIBATTITO SERRATO Definizione di antisemitismo dell’Ihra,
il Parlamento francese dice sì

Al termine di un lungo confronto il Parlamento francese ha ieri approvato a maggioranza (154 voti a favore, 72 contro) l’adozione della definizione di antisemitismo formulata dall’International Holocaust Remembrance Alliance che, tra le diverse voci, classifica come odio antiebraico anche la negazione del diritto all’autodeterminazione e all’esistenza dello Stato di Israele. Un messaggio significativo quello che arriva da Parigi in queste ore, pochi mesi dopo l’annuncio in tal senso del presidente Emmanuel Macron: “Confermo – avevo detto – che la Francia adotterà la definizione di antisemitismo dell’Ihra. Non servirà modificare il codice penale. Si tratterà di affinare le pratiche dei nostri magistrati e dei nostri insegnanti”.
Un plauso all’iniziativa parlamentare è arrivato dal Conseil représentatif des institutions juives de France, l’organizzazione ombrello delle comunità ebraiche francesi che ha espresso la propria soddisfazione per il riconoscimento della minaccia oggi rappresentata “dall’odio contro Israele”.

Leggi

OPINIONI A CONFRONTO L’Europa e l’antisemitismo, tra vecchie e nuove minacceL’Italia e l’Europa di fronte alla minaccia antisemita. Continua a suscitare reazioni un recente editoriale del professor Ernesto Galli della Loggia sul Corriere della sera, su cui erano già intervenuti su questo notiziario, con alcune osservazioni critiche, Dario Calimani e Gadi Luzzatto Voghera. “In Europa – scrive oggi sul Corriere il rav Roberto Della Rocca, direttore dell’area Educazione e Cultura UCEI – l’ebraismo è sempre stato relegato a un ruolo subalterno rispetto alla cultura dominante cristiana in base a una logica di banale, quanto antropologicamente pericolosa, gerarchia identitaria: la cultura di minoranza deve assoggettarsi a quella di maggioranza. E l’equazione è bella e fatta: l’ebraismo va identificato ‘solo’ con un Vecchio Testamento (o con un Testamento ormai vecchio)”. Queste tesi, sottolinea il rav Della Rocca, sono spesso rispolverate e nutrono le teorie antisemite.
QUI ROMA – LA FIERA DELLA PICCOLA E MEDIA EDITORIA”Danzica, un modello per l’Europa inclusiva”

L’Europa raccontata attraverso i temi dell’identità culturale, i valori, gli assetti geopolitici. Una casa comune da difendere contro le parole dell’odio, nel segno di cultura e conoscenza. Più Libri Più Liberi, la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria inaugurata stamane a Roma, getta in questa edizione uno sguardo profondo con il contributo di alcune figure particolarmente significative. Come Aleksandra Dulkiewicz, la sindaca di Danzica simbolo di una Polonia che non si arrende al nazionalismo e alle peggiori pulsioni cavalcate dall’estrema destra di governo. Un compito complesso, a pochi mesi dall’assassinio del suo predecessore Pawel Adamowicz, ma su cui non intende cedere nel nome di apertura, solidarietà e rispetto verso il prossimo. Valori per cui continuerà a battersi con determinazione. L’ha ricordato, con chiare parole, richiamando anche il contributo ebraico nella costruzione di questa città simbolo della convivenza, nel corso dell’incontro “Danzica città libera dall’odio” organizzato da L’Espresso e con Wlodek Goldkorn nel ruolo di intervistatore.

Leggi

INAUGURATO UN CICLO DI INCONTRI RIVOLTI ALLA CITTADINANZA Venezia, identità ebraica a porte aperteAl via a Venezia un ciclo di lezioni sull’ebraismo aperto a tutta la cittadinanza, promosso dalla Comunità ebraica e dal Museo ebraico sotto la direzione del rav Roberto Della Rocca. Ad aprire la serie di appuntamenti, tutti organizzati nel centro comunitario, una lezione del rav Daniel Touitou sulla peculiare percezione del tempo. Dal senso di comunità alla composizione del calendario, dall’ideale sionista alla centralità dell’etica sociale: molteplici i temi che saranno affrontati nei prossimi mesi.

Leggi


Rassegna stampa

Il veleno antisemita 
Leggi
 

 

 

Ticketless – Lucus a LucendoBosco della non luce. Prendendo a modello la saggezza degli antichi, Carlo Levi descriveva così, in Cristo si è fermato a Eboli, il paesaggio magico che aveva conosciuto al confino. Alessandra Lancellotti ed Enrico Masi hanno rovesciato quella massima nel suo contrario, realizzando un film affascinante, in cui il protagonista è Stefano Levi Della Torre, il nipote di Carlo. Un viaggio a ritroso nel tempo, che parte dalla casa del pittore di Alassio per ritornare nel grembo materno, in quella che Giacomo Debenedetti chiamava “la religione delle Madri”. Ex tenebris lux, il paradosso della luce che s’intravede nel buio, immagine che piaceva assai a Mazzini e Michelstaedter, è solo uno degli elementi di un viaggio nell’intimità del paesaggio che questo film induce a svolgere. Alberto Cavaglion
Leggi
L’assunto sempre validoNon si placano, anzi si aggravano, le rivolte in diversi Paesi musulmani. Oltre le crisi latenti in Tunisia ed Egitto, le emergenze sono in Iran, Iraq e Libano. Paesi in cui le popolazioni subiscono una repressione violenta. Motivo delle proteste: le disuguaglianze sociali, il carovita, gli aumenti dei beni di primo consumo. Si potrebbe discutere sulle cause politiche, endogene e esogene (il ritiro trumpiano dall’accordo con L’Iran ha certamente influito sul contestato aumento della benzina nel Paese), ma, al di là di tutto, non può venire in mente il vecchio assunto marxiano. Davide Assael
Leggi
Periscopio – La forza della leggeMi rendo ben conto che affrontare la questione della incriminazione del premier Netanyahu, della presumibile fondatezza o infondatezza delle accuse a lui rivolte, dell’opportunità che egli si dimetta, prima ancora di una esplicita condanna a suo carico pronunciata dalla magistratura, della fiducia o sfiducia che si debba riporre negli inquirenti e dei giudici che si sono occupati e si occuperanno della sua posizione, e della loro maggiore o minore presumibile credibilità e imparzialità, è un compito difficile e delicato. Francesco Lucrezi
Leggi
Un incontro necessarioChi sono gli Imi? La storia degli Internati Militari Italiani inizia l’8 settembre 1943, allorché l’Italia proclamò l’armistizio. I soldati catturati, rastrellati e deportati in Germania e in Polonia furono più di 600mila, e quasi il 10% di loro non sopravvisse alla fame, al freddo, alla malattia, alle durissime condizioni della prigionia. Marco Cassuto Morselli 
Leggi
Pagine Ebraiche 24, l’Unione Informa e Bokertov sono pubblicazioni edite dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. L’UCEI sviluppa mezzi di comunicazione che incoraggiano la conoscenza e il confronto delle realtà ebraiche. Gli articoli e i commenti pubblicati, a meno che non sia espressamente indicato il contrario, non possono essere intesi come una presa di posizione ufficiale, ma solo come la autonoma espressione delle persone che li firmano e che si sono rese gratuitamente disponibili. Gli utenti che fossero interessati a offrire un proprio contributo possono rivolgersi all’indirizzo [email protected] Avete ricevuto questo messaggio perché avete trasmesso a Ucei l’autorizzazione a comunicare con voi. Se non desiderate ricevere ulteriori comunicazioni o se volete comunicare un nuovo indirizzo e-mail, scrivete a: [email protected] indicando nell’oggetto del messaggio „cancella” o „modifica”. © UCEI – Tutti i diritti riservati – I testi possono essere riprodotti solo dopo aver ottenuto l’autorizzazione scritta della Direzione. l’Unione informa – notiziario quotidiano dell’ebraismo italiano – Reg. Tribunale di Roma 199/2009 – direttore responsabile: Guido Vitale.